Acquapendente

tuscia

Acquapendente è un comune situato in prossimità del lago di Bolsena. La città è facilmente raggiungibile sia da Orvieto che da Pitigliano, data la sua posizione al confine fra le due regioni. Le sue origini risalgono al 964 quando Ottone I, duca di Sassonia, costruì un castello che poi passò sotto il dominio degli svevi. Fin dalla sua nascita Acquapendente è stato un luogo ambito da tutte le maggiori casate, in quanto collocato lungo la via Francigena, l’arteria principale che collegava il nord Europa con Roma, favorendone lo sviluppo. Fanno parte del territorio comunale anche due frazioni: torre Alfina situata all’interno della riserva naturale del monte Rufeno e il borgo di Trevinano.

Acquapendente è una città in cui le tradizioni antiche sono ancora vive negli usi e costumi locali. Basti pensare che in questo borgo laziale ogni anno il 15 maggio si celebra la “Festa Pugnaloni”,una splendida processione attraverso la città, ispirata alla leggenda di un miracolo avvenuto 1166, che avrebbe permesso alla popolazione di liberarsi dal giogo di Federico I Barbarossa. Il nome dell’evento, invece, è ispirato all’usanza della gente di recarsi alla processione con dei “pugnaloni” ovvero dei bastoni infuocati, che simboleggiano la vittoria della luce sulle tenebre.

Il primo patrimonio artistico-archeologico storico di Acquapendente, nonostante le ridotte dimensioni del bel borgo medievale, è vario ed interessante da visitare. La prima tappa di questo tour alla scoperta di Acquapendente è senza ombra di dubbio il suo edificio religioso più noto: La cattedrale del Santo Sepolcro, chiamata così perchè al suo interno è custodita una pietra macchiata di sangue che secondo il credo proviene dal Santo Sepolcro di Gerusalemme. La chiesa è sorta tra il X e XI secolo e venne consacrata nel 1149 da Papa Eugenio III. All’esterno l’edificio presenta una bellissima forma tipicamente romanica anche se la facciata è di tipo tardo barocca, mentre ai lati si innalzano maestose due torri campanarie. La cattedrale non è l’unica chiesa di Acquapendente, Un’altro edificio sacro meritevole di una visita è la Chiesa dedicata a San Francesco. La chiesa è precedente alla nascita del santo e a lui è stata dedicata successivamente con l’affidamento nel 1253 della struttura ai frati Francescani. La struttura è uno splendido esempio di architettura rinascimentale anche se presenta un portale, invece, collocabile storicamente nel XI secolo. Passeggiando per questa meraviglia della Maremma Laziale, non potrete non notare le stupende torri di Acquapendente. Al fianco della cattedrale sorge la torre Julia de Jacopo ed è ciò che resta della rocca edificata da Arrigo IV; oggi utilizzata come spazio espositivo. Sul cortile alle spalle della cattedrale, invece, potete ammirare la Torre dell’Orologio o Torre del Barbarossa che una volta faceva parte del castello imperiale. Acquapendente è veramente un luogo ricco di atmosfere uniche che fuoriescono dal suo incredibile patrimonio artistico. Palazzi storici di grande rilievo architettonico come il Palazzo dei Visconti che si può ammirare semplicemente passeggiando lungo via Cesare Battista. Altro luogo degno di nota è il Palazzo comunale di Acquapendente che con il suo portoncino in stile neoclassico è uno delle tante bellezze di questa sublime città.